Blog: http://zibaldone2.ilcannocchiale.it

Beati i popoli sprovvisti di materie prime, perchè non conosceranno le nostre guerre umanitarie



            Sia in Egitto che in Tunisia non c’era petrolio e la questione del ricambio politico governativo si è risolto in poco tempo con “poco” spargimento di sangue. I riformatori o ribelli o come diavolo li si vuol definire son scesi in piazza, hanno fatto saltare i governi. Non hanno occupato né luoghi Istituzionali né sequestrato approvvigionamenti di nessun genere. Né tanto meno è venuto in mente a qualche paese sedicente democratico di imporre con la forza la democrazia. Tant’è che l’Egitto, pur liberatosi dal Mubarak,  la democrazia resta nei sogni degli egiziani e lo stesso si può dire della Tunisia. Però. nessun guerriero della democrazia sta pensando di intervenire sull’Egitto o sulla Tunisia. Come dire, “quando l’acqua (il petrolio) scarseggia, la papera non galleggia”.     

I rivoltosi Libici invece, guarda caso, occupano i pozzi petroliferi, “e te pareva!”

In Libia invece bisogna intervenire, non perché Gheddafi sia più cattivo di tanti altri emiri del Golfo Persico, quelli poi! Altro che dittature, son regimi addirittura feudali e,  in Arabia Saudita nientemeno è teocrazia. Però, siccome sono nostri amici, possono reprimere quanto gli pare, e stanno reprimendo, “citti citti e queti queti”.

Ho provato a immaginare un triste giorno in cui la Lega Nord decidesse, armi in pugno, di realizzare la secessione dei suoi sogni e, scontrandosi inevitabilmente con le forze armate italiane lasciassero la pelle un certo numero di bauscia, e a questo punto le armate democratiche occidentali invadessero l’Italia schierandosi con la Lega nord in nome della democrazia! Poi mi son detto, NO! Non è possibile! Perché noi siamo fortunati, non abbiamo nessun genere di materie prime, quindi, dell’Italia unita o disunita, democratica o totalitaria, non commuoverebbe nessuno. Quindi siamo fortunati noi italiani!

A scanso di equivoci, Gheddafi mi è antipatico per tantissimi motivi, non ultimo perché somiglia come una goccia d’acqua al “nostro” Primo Ministro bunga bunga, ma sono certo che, dietro a questi rivoltosi sono numerosi i Gheddafi!

di gaetano paglialonga

Pubblicato il 19/3/2011 alle 8.13 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web